Skip to content Skip to footer

Perché cercare l’approvazione altrui sta lentamente distruggendo la tua vita da adolescente…

Se sei un adolescente e stai leggendo questo articolo devi assolutamente sapere una cosa.

Cercare l’approvazione degli altri e agire a seconda di che cosa pensano è la cosa più sbagliata che tu possa fare.

Ma come faccio a saperlo? Chi sono io per dirti questo?

Lascia che mi presenti…

Sono Raoul, un adolescente proprio come te, sono un fondatore della prima community di adolescenti ribelli in Italia.

Sono ormai quasi due anni che ho intrapreso questo percorso di crescita personale, e in tutto questo tempo ci sono stati enormi cambiamenti nella mia vita.

Ma una cosa è certa, prima d’iniziare questo percorso ero proprio come te, pensavo che ottenere l’approvazione dai miei genitori o dagli altri fosse quello che mi rendeva felice.

Ma mi sbagliavo, con il tempo mi sono accorto che fosse soltanto una trappola in cui ero rinchiuso.

Ma è proprio da quando sono riuscito a uscire da quella trappola che ho iniziato a vivere la mia vita al meglio.

Ma ora non è più il mio turno, bensì il tuo.

Quindi se vuoi uscire da questa trappola continua a leggere…

Tabella dei contenuti

La trappola dell’approvazione degli altri

Prima d’iniziare ti risponderò alla fatidica domanda.

Perché l’approvazione degli altri è una trappola?

Se sei una persona che cerca le approvazioni non ti sei ancora reso conto di quanto sia pericoloso.

Il vero problema è che stai cercando di fare qualcosa non per te stesso, non qualcosa che ti soddisfi, ma che soddisfi qualcun altro.

Tu mi potrai dire:

“Ma ricevere l’approvazione dagli altri è quello che mi rende soddisfatto”

Ma per quanto andrà così.

Inoltre, stai facendo qualcosa che ti piace veramente?

Oppure stai buttando tempo a fare cose che non ti piacciono solamente per soddisfare qualcun altro?

Se è così non ti biasimo, anch’io ero così.

E ora che sono riuscito a cambiare posso vedere come effettivamente questa cosa mi stava limitando a vivere la vita che volevo.

Devi sapere che le soddisfazioni e la felicità nella vita prima di trovarle all’esterno, devi trovarle all’interno, lo so che sembra una frase già detta e ridetta, ma è proprio così.

Prova a prenderti del tempo per te stesso, prova a capire che cosa vorresti veramente nella vita, che cosa ti rende felice.

Scopri quali sono le tue passioni, i tuoi sogni o i tuoi obiettivi di vita.

Se riuscirai a scoprire ciò il tormento dell’approvazione degli altri sparirà, però immagino che ci sia un altro problema vero?

Che cosa pensano le altre persone…

La rovina

Penso che sconfiggere la paura del giudizio altrui sia stata una delle cose più dure della mia vita, non sto scherzando.

Sono uno che dopo i 16 anni ha sofferto d’ansia sociale, quando andavo a scuola non parlavo mai con nessuno, volevo stare in disparte, volevo che nessuno mi notasse.

I miei pensieri costanti erano, “se facessi qualcosa di strano che cosa penserebbe questa persona?”.

“Meglio che non dica questa cosa, chissà cosa penseranno!” e così facendo la mia ansia saliva e io mi chiudevo sempre in me stesso.

Nonostante tutte le difficoltà che ho avuto sono riuscito pian piano a superarla, tutt’ora sto combattendo.

E dopo tutto questo tempo, dopo aver combattuto la paura del giudizio altrui posso confermarti una cosa, è veramente la rovina.

Prima agivo sempre e solo a seconda di che cosa una persona potesse pensare, quindi prima di fare una cosa ci pensavo molto, e anche se era una cosa che volevo molto fare, ma che mi poteva in qualche modo rovinare non la faceva.

Tutto quello che stavo facendo era autosabotarmi.

Se stai leggendo questo articolo molto probabilmente sei anche tu in questa situazione.

Ma io sono qua per aiutarti, voglio che tu sconfigga questa paura del giudizio altrui e voglia che tu inizi a vivere la vita secondo i tuoi valori.

Proprio per questo ora volevo lasciarti un messaggio.

Devi sapere che in questo mondo tutti noi abbiamo un tempo di vita, non sappiamo quando potremmo morire, potrebbe essere domani oppure tra 70 anni, comunque se ora hai tra i 18 anni mediamente ti restano più o meno in media 3000 settimane di vita, che sembrano molte, ma in realtà non lo sono.

In tutto ciò tutti noi che stiamo vivendo in questo periodo non siamo altro che delle persone in un determinato periodo storico.

Altre persone hanno vissuto e altre persone arriveranno dopo di noi, questo è il ciclo della vita.

Inoltre siamo in una pianeta in mezzo ad altri pianeti in una galassia in mezzo a un’infinità di galassie.

E tu e io siamo soltanto delle briciole viste dall’alto.

Quindi perché se siamo così tanto piccoli in confronto del mondo dovremmo prenderci così tanto seriamente, perché dovrei volere l’approvazione di un altro.

La consapevolezza che siamo soltanto delle persone in mezzo a tutto questo deve farti capire che questa è la tua occasione per fare quel passo in avanti e prendere quel rischio, iniziando a vivere la vita che vuoi, facendo proprio quello che vuoi.

A chi importa che cosa pensano gli altri, la nostra fine deve arrivare prima o poi, ed è il nostro compito riuscire a vivere la nostra vita nei migliori dei modi, secondo quello che ci rende realmente felici.

approvazione degli altri

Conclusione

Eccoci arrivati alla fine di questo articolo sul perché non hai bisogno dell’approvazione degli altri da adolescente.

D’ora in avanti sarà tutto nella tue mani.

Puoi scegliere di continuare a vivere la tua vita pilotata dagli altri, oppure puoi decidere di impostare il GPS sulla tua meta e metterti al posto del guidatore.

Nel caso avessi scelto la seconda opzione ho qualcosa che fa per te.

La nostra community Telegram.

All’interno di questa community oltre a trovare contenuti ogni giorno che ti aiuteranno a trovare la tua strada, troverai adolescenti proprio come me e te che ti supporteranno in quello che fai.

Nessuno ti giudicherà, ma tutti ti ascolteranno e ti capiranno.

Appena entrato nella community troverai oltre 270 adolescenti motivati a utilizzare la crescita personale per costruire e vivere una vita degna di essere vissuta.

Leave a comment